Previous
Next

Riso Roma Biologico

Roma è uno storico riso italiano, ideale per la preparazione di risotti della tradizione. Coltivato in Italia da agricoltura biologica.

Rif. 0205-PL
Marca
Principato di Lucedio
4,50 €
(IVA inclusa)
Disponibile

DESCRIZIONE

Coltivato in Italia da agricoltura biologica. Il riso Roma è uno storico riso italiano, ideale per la preparazione di risotti della tradizione. 

SCHEDA PRODOTTO

500 g

100 % riso Roma Bio

Confezionato in uno stabilimento che utilizza anche sedano e farro

Valori medi per 100 g

Energia 1484 kJ / 350 kcal

Grassi 0,9 g

Di cui saturi 0,2 g

Carboidrati 78 g

Di cui zuccheri 0 g

Fibre 0,8 g

Proteine 7,0 g

Sale 0 g

Arancini di Riso

Arancini di Riso

Ingredienti

Ingredienti per 12 arancini:
500 gr di Riso Roma Bio
1 bustina di zafferano
30 gr di burro
1,2 litri di acqua
sale
100 gr di Caciocavallo stagionato

Per il ripieno:
mezza cipolla
25 gr di burro
100 gr di maiale macinato
200 ml di passata di pomodoro
80 gr di pisellini
50 gr di Caciocavallo fresco
50 ml di vino rosso
olio extravergine di oliva
sale
pepe

Preparazione

Fate bollire il riso in acqua bollente salata, facendo assorbire completamente l'acqua, per circa 15 minuti, quindi sciogliete lo zafferano in pochissima acqua calda e unitelo al riso ormai cotto. Unite anche il burro a pezzetti e il Caciocavallo grattugiato, mescolate e versate il riso su un vassoio. Fate raffreddare il riso per un paio di ore, coprendolo con la pellicola per evitare che si secchi.
Preparate il ragù. Fate soffriggere la cipolla tritata in una pentola con 2 cucchiai d’olio e il burro, unite la carne macinata e fatela rosolare, quindi sfumate con il vino. Aggiungete la passata di pomodoro, aggiustate di sale e di pepe a piacere e fate cuocere a fuoco basso per 1 ora. A metà cottura, aggiungete i piselli.
Quando il ripieno sarà pronto, iniziate a preparare gli arancini. Prelevate un paio di cucchiai di riso per volta (circa 120 gr di riso),schiacciate il mucchietto al centro del mano formando una conca e versateci all'interno un cucchiaino di ripieno al ragù. Aggiungete qualche cubetto di caciocavallo. Richiudete la base dell'arancino con il riso dategli una forma a punta. Preparate la pastella per friggere gli arancini. In una ciotola versate la farina setacciata, un pizzico di sale e versate l'acqua a filo. Mescolate con una frusta per evitare che si formino grumi. Tuffate gli arancini, uno ad uno, nella pastella e passateli nel pangrattato. In un pentolino scaldate l'olio e friggete un arancino alla volta, scolateli con una schiumarola e appoggiateli su un vassoio foderato di carta assorbente.

Tre motivi per cui l'abbiamo scelto

L'attività di coltivazione a Lucedio prevede l'utilizzo sia di un metodo di coltivazione integrato, sia di un metodo biologico.

In tutte le stagioni un buon riso e un ambiente pulito vanno di pari passo. Per questo motivo a Lucedio hanno scelto di utilizzare esclusivamente energia pulita, proveniente da sole fonti rinnovabili. La “green energy” consente di svolgere tutte le attività legate all’azienda agricola, alla produzione della linea food del Principato di Lucedio e alla location dedicata all’organizzazione di eventi. E' stato anche installato una palina per la ricarica dei mezzi elettrici. Il progetto di energia rinnovabile si inserisce a completare la linea di pensiero del Principato di Lucedio: una produzione sostenibile, nel rispetto dell’ambiente e per la salvaguardia della biodiversità

Le strategie adottate a Lucedio:

Coltivazione del riso con il metodo della sommersione permanente: tra i principali vantaggi ricordiamo il pressoché totale contenimento della percolazione dei nitrati nelle falde acquifere, l’ottimizzazione della risorsa acqua (anche in virtù della tessitura dei terreni prevalentemente argillosa),ed il parziale contributo al controllo di parte della flora infestante 

Trinciatura delle paglie e successiva gestione delle stesse per ottimizzarne i processi di mineralizzazione e umificazione nel terreno 

Utilizzo di colture intercalari da sovescio finalizzate alla copertura invernale del suolo e all'apporto di sostanza organica fresca al terreno al fine di ottimizzarne la fertilità

Rotazione mirata delle tecniche di agricoltura Blu (conservativa) e Verde (non conservativa) per migliorare la gestione delle infestanti ed incrementare la qualità della sostanza organica derivante dai residui colturali (stoppie e paglie)

Adozione del modello di precision-farming per la gestione delle concimazioni e dei trattamenti fitosanitari

Lotta meccanica alle malerbe integrata alla lotta chimica a seguito di analisi tecniche puntuali svolte sui singoli appezzamenti; 

Utilizzo di modelli previsionali per la prevenzione ed il contenimento delle principali problematiche fitosanitarie

Biodiversità dell'agroecosistema. Mantenimento di circa 25 ha di superficie boscata su terreni di proprietà dell'azienda

Smaltimento dell'imballaggio

Carta e Cartone
Plastica

Verifica sempre le disposizioni del tuo comune.
Separa le componenti e conferiscile in modo corretto